ANALISI STRUTTURALI

Presentazione WS 01

 

Indagini strutturali su apparecchi murari ed orizzontamenti lignei

L’obiettivo del consolidamento strutturale del patrimonio culturale in generale, e degli edifici storici e monumentali in particolare, è valutarne il livello di sicurezza. L’approccio consiste nella definizione di un percorso di conoscenza nella valutazione del livello di sicurezza e nel progetto degli eventuali interventi.

La finalità, quindi, è quella di definire un giudizio sulla sicurezza e conservazione (garantite dall’intervento strutturale) il più oggettivo possibile e soprattutto il più prossimo alla realtà.
È evidente che per esprimere questo giudizio bisogna disporre di strumenti in grado di permettere le analisi della vulnerabilità, la valutazione del rischio e la progettazione degli interventi.

Quando ci proponiamo, ad esempio, di ridurre il rischio sismico di un edificio, è importante avere presente che, a fronte di un probabile evento sismico che potrebbe portare a determinati danni per il nostro edificio, l'esecuzione del nostro progetto rappresenta un intervento certo. Nel senso che una volta eseguito tale intervento la nostra invasività è ormai storia.

Questo aspetto deve farci riflettere molto sull’espressione del giudizio nei confronti della sicurezza e del rischio dell’edificio soggetto ad una particolare azione.
L’edificio storico deve essere guardato come un insieme organico che comprende il modo in cui è stato costruito, gli elementi architettonici, le finiture, le decorazioni, gli impianti, il sito in cui è collocato ed il suo particolare significato.

È quindi evidente che un buon progetto di consolidamento non può essere tale se non si forma attraverso la convergenza di una serie di discipline che conseguano una buona ricerca storica, un approfondito ed accurato rilievo con particolare attenzione alla geometria, alla struttura, alla composizione ed alle connessioni, un’ottima conoscenza e familiarità con i materiali e gli elementi strutturali dell'arte di costruire del periodo di costruzione e di come queste si siano evolute nel tempo, le caratteristiche originarie della fabbrica, le modifiche intercorse nel tempo dovute a danneggiamenti pregressi o azioni antropiche o l'invecchiamento dei materiali.

Tutto questo si può ottenere attraverso le indagini, tenendo presente che anche l’esecuzione di una completa campagna di indagini può essere eccessivamente invasiva. È quindi necessario definire un percorso di conoscenza che rappresenti un giusto compromesso e che allo stesso tempo offra tutte le informazioni affinché l’intervento riesca a ridurre la vulnerabilità ed il rischio nel pieno rispetto di tutte le espressioni che l'edificio rappresenta nel suo stato attuale.

Le finalità di questo primo workshop si concentrano sulla conoscenza diretta delle caratteristiche strutturali dell'edificio, dell’analisi e definizione degli eventuali elementi in sofferenza, delle connessioni tra i vari elementi strutturali, delle condizioni di vincolo, delle manifestazioni di dissesto e di degrado e, in particolare, sulla definizione di quali indagini possano conseguire un’adeguata conoscenza delle caratteristiche meccaniche dei materiali e come queste possano caratterizzare la modellazione agli elementi finiti per ottenere una buona analisi base di partenza per un adeguato e rispettoso progetto degli interventi.

 

[di Alessandro Bozzetti, Coordinatore Workshop]

 

 

 

Potresti essere interessato a...