CONVEGNO_RISCHIO SISMICO PER BENI ARCHITETTONICI E BENI ARTISTICI:

×

Messaggio di avvertimento

Submissions for this form are closed.

CONVEGNO_RISCHIO SISMICO PER BENI ARCHITETTONICI E BENI ARTISTICI:
RESILIENZE E FRAGILITA’

Venerdì 8 aprile 2016, 9.30-13.00_Sala Castello, Fiera del Restauro a Ferrara

  
I gravi terremoti che hanno colpito l’Italia negli ultimi decenni hanno evidenziato l’elevata vulnerabilità delle costruzioni storiche e dei beni artistici in essi contenuti.
Negli ultimi anni è cresciuta l’attenzione nei confronti delle problematiche sismiche di questi edifici, spesso molto vulnerabili a causa di carenze strutturali, del degrado e di modifiche ed interventi, talvolta inappropriati, subìti nel tempo. Molto resta comunque da fare nella direzione di un equilibrato bilanciamento tra le esigenze della conservazione e quelle di un livello di sicurezza accettabile, specie dal punto di vista di chi, trovandosi a lavorare, o a vivere, o anche semplicemente in visita all’interno di tali costruzioni, ne condivide in pieno le vicende.
Per quanto riguarda i beni artistici contenuti negli edifici storici, ed in particolare nel caso dei musei, ai problemi riguardanti il contenitore (l’edificio) si sommano quelli specifici riguardanti il contenuto, ovvero la vulnerabilità sismica dei beni artistici ivi presenti. Ad esempio, talvolta queste opere si trovano esposte con modalità che non hanno considerato il terremoto come uno dei fattori di rischio più importanti, con cui occorrerebbe invece confrontarsi preventivamente.
D’altra parte, spesso si è visto (purtroppo solo a posteriori) come semplici attenzioni o interventi ben indirizzati dal punto di vista strutturale, anche di modesta entità, avrebbero potuto mettere in sicurezza statue, quadri o altri manufatti che, invece, sono stati gravemente danneggiati o distrutti a causa di un sisma.
In questo ambito, una problematica particolare e di rilevante complessità è quella degli affreschi, la cui sorte è legata alle murature su cui si trovano. La valutazione del rischio cui sono sottoposte queste opere (cioè la conoscenza) può fornire indicazioni fondamentali per la loro salvaguardia, visto che la prevenzione rappresenta, in questi casi, l’unica possibilità di salvezza.
Sugli argomenti sopra accennati il convegno intende proporre una serie di riflessioni, esaminando anche alcuni casi concreti per i quali il contributo del mondo scientifico è stato, o potrà essere, utile e significativo.

 

Interventi di

Marina SANTUCCI (Dipartimento di Restauro - Museo di Capodimonte)

Antonio BORRI (Università di Perugia / Centro Studi MASTRODICASA)

Michele CANDELA (Università di Reggio Calabria)

Riccardo DALLA NEGRA (Università di Ferrara)

Margherita EICHBERG 
(Direttore Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Calabria)

Paolo FACCIO (IUAV – Venezia)

Sergio LAGOMARSINO (Università di Genova)

Alessandro MARTELLI 
(Presidente GLIS- Isolamento ed altre strategie di progettazione antisismica)

Pia PETRANGELI (MiBACT - Direzione Generale Belle Arti e Paesaggio - Servizio I)

Anna SAETTA (IUAV – Venezia)

Cecilia ZAMPA (V. Presidente Assorestauro)

 

PROGRAMMA DEI LAVORI

ore 9.30 - 10   Indirizzi di saluto: Cecilia ZAMPA, Marina SANTUCCI

Introduzione all’incontro: Antonio BORRI
ore 10 - 13.00  Chairman:  Riccardo DALLA NEGRA

INTERVENTI

Analisi e criticità del rischio sismico dei musei italiani.
Pia PETRANGELI

Prevenzione e resilienza del patrimonio architettonico nei riguardi del rischio sismico: un approccio scientifico alla conservazione.
Sergio LAGOMARSINO

Riduzione del rischio sismico nell'edilizia storica: impiego di schemi resistenti ad assetto variabile. Dal palazzo reale all'edilizia conventuale ed alla residenza nobiliare.
Michele CANDELA

Protezione sismica dei beni architettonici. Esperienze in Calabria.
Margherita EICHBERG 


Valutazione di vulnerabilità sismica dei beni artistici e tecniche di mitigazione del rischio.
Anna SAETTA / Paolo FACCIO

Analisi del rischio per beni artistici e beni museali nelle loro realtà espositive: esperienze recenti.
Antonio BORRI /Alessandro DE MARIA

Tecniche di protezione dei beni artistici dal rischio sismico.

Alessandro MARTELLI

 

L'evento è proposto dall’Ordine degli Architetti P.P.C. di Ferrara in collaborazione con Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia, Centro Studi Mastrodicasa e Fondazione Architetti di Ferrara.  Agli iscritti all’Ordine degli Architetti saranno riconosciuti n. 3 crediti formativi, previa registrazione obbligatoria sul sito https://imateria.awn.it

CODICE IM@teria: ARFE22032016113918T03CFP00300