La cultura che unisce, Italia e Cina per la tutela del patrimonio archeologico.

Giovedì, 20 Settembre, 2018
CHENGDU RESTAURO ASSORESTAURO CHINA MISECHENGDU RESTAURO ASSORESTAURO CHINA MISE BRANCACCIOCHENGDU RESTAURO ASSORESTAURO CHINA MISE BRANCACCIOCHENGDU RESTAURO ASSORESTAURO CHINA MISE BRANCACCIOCHENGDU RESTAURO ASSORESTAURO CHINA MISE BRANCACCIO

 

Si è tenuta dal 20 al 22 settembre la fiera del West China di Chengdu, un appuntamento di grande rilievo per la regione del Sichuan e per tutta la Cina.

L'Italia ospite d'onore della fiera, ha mostrato nel Padiglione nazionale le eccellenze del Made in italy nei settori dell’agroalimentare, dell’innovazione, dell’energia sostenibile e del turismo.

La presenza significativa della cultura e nello specifico della conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale sono stati un eccellente punto di contatto tra governo italiano e cinese per promuovere le bellezze artistiche, culturali e paesaggistiche del nostro Paese. 

Assorestauro ospite in rappresentanza del comparto restauro italiano ha partecipato al workshop sulla tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale, cuore della missione della delegazione italiana a Chengdu.  La giornata di studio, davanti ad un pubblico numeroso, composto prevalentemente da giovani, ha visto alternarsi le relazioni di Francesca Brancaccio per Assorestauro sulle esperienze di internazionalizzazione della associazione, i progetti REDI a Cuba e Med-art in Turchia, le occasioni di scambio e collaborazione promosse con annuali Grand tour itineranti in cantieri italiani dei nostri associati e su varie esperienze significative  di restauro su casi selezionati del patrimonio mondiale Unesco. Molti esperti sono stati chiamati a rappresentare le eccellenze del nostro patrimonio, l’archeologo Giuliano Volpe, Giuseppe Parello direttore del Parco della valle dei Templi, Antonella Ranaldi soprintendente di Milano, Susanna Ferrini per i progetti di allestimento di musei e parchi, Francesca Morandini per i musei civici di Brescia, Daniele Malfitana sulle tecnologie applicate all'archeologia, Piero Pruneti sulla comunicazione in archeologia. A segnalare l’interesse del governo cinese nei confronti della tutela del nostro patrimonio, negli stessi giorni, è stata firmato un protocollo di intesa con il Museo Archeologico di Napoli (MANN) - Parco Archeologico dei Campi Flegrei, con Paolo Giulierini.

Un plauso va fatto al lavoro dall'Ambasciata italiana e in particolare dal Consolato generale di Chonhching diretto da Filippo Nicosia che ha organizzato un incessante programma di incontri di lavoro, visite degli esperti italiani a musei e siti archeologici locali, con notevoli prospettive di cooperazione italo-cinese.

Potresti essere interessato a...