Salone del Restauro 2016

PRIMA INFORMATIVA

  

Anche quest’anno Assorestauro, in occasione dell’annuale Workshop dedicato ad operatori esteri del settore del restauro, sarà presente al Salone del Restauro di Ferrara, giunto ormai alla sua XXIII edizione, con uno stand associativo. In occasione del Salone, e della visita dei partecipanti al Workshop, saranno organizzati due convegni che affronteranno il tema dell’internazionalizzazione delle aziende italiane a le nuove linee guida per la certificazione LEED degli edifici storici (con CFP per gli architetti ed ingegneri).
A breve, una comunicazione specifica sarà inviata ai Soci con invito alla partecipazione al Salone e completa di dettagli in merito a quote e modalità specifiche.

 

"Il Salone 2016 vuole coinvolgere ed è stato a sua volta coinvolto all’interno di un programma di grandi riforme e cambiamenti, in seno alle nuove politiche ministeriali in ambito di gestione del patrimonio culturale, di cui quest’anno si fa portavoce con un’attenzione sempre crescente per l’Economia Culturale, l’imprescindibile ruolo svolto dalla Conservazione e Valorizzazione dei nostri Beni Culturali e Ambientali, e la riconosciuta posizione di rilievo, che le Tecnologie rivestono nel rendere più efficaci ed efficienti queste attività.
Una nuova veste che è stata cucita insieme al MiBACT - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, partner storico della manifestazione, che ha individuato nel Salone la giusta cornice per rappresentare il Sistema Museale Italiano in tutta la sua interezza e complessità; in concomitanza ed all’interno di  Restauro prenderà infatti vita MUSEI, un nuovo Salone rivolto in particolare alle aziende di pertinenza e in dialogo diretto con le realtà museali, pubbliche e private. Aziende provenienti da settori quali illuminotecnica, climatologia, software e altre tecnologie, accoglienza, guardiania, ristorazione, bookshop e merchandising (che vanno ad aggiungersi al restauro architettonico, perno della manifestazione) e che si affiancheranno ai consueti 250 espositori, andando a comporre un panorama ancor più ricco e qualitativamente elevato.
Dagli addetti ai lavori agli appassionati d’arte, ai curiosi e ai sostenitori del nostro invidiabile patrimonio culturale, questa edizione vuole rivolgersi a tutti coloro che a vario titolo si sentono coinvolti da questo imperdibile appuntamento."

[da salonedelrestauro.com]