Sperimentazione su antigraffiti

Kimia collabora con l’Università del Salento

 

Avviata la collaborazione tra Assorestauro e l’Università del Salento secondo quanto stabilito nell’Accordo Quadro firmato lo scorso 2016 (> VAI alla news) che prevede un’attività di scambio e di collaborazione di durata triennale che nasce dal comune interesse delle parti alla promozione della cultura di impresa e al rafforzamento del tessuto produttivo italiano esistente anche tramite trasferimento tecnologico e forme collaborative ricerca-impresa.
In particolare, nell’ambito del corso di Laurea Magistrale in "Diagnostica per i Beni Culturali" è stata avviata un’attività di ricerca sperimentale su prodotti per trattamento superficiale di diverse tipologie di materiali lapidei da costruzione con l'intento di verificare se prodotti al momento commercializzati come idrorepellenti possano avere anche caratteristiche di antigraffiti, mediante eventuale aggiunta di nanocariche.
A seguito di una proposta collaborativa rivolta agli Associati, la Socia KIMIA S.p.A. ha risposto affermativamente e, grazie al coordinamento dell’arch. Cristina Caiulo (Consigliere di Assorestauro), ha predisposto con l’Università del Salento e la Prof.ssa Mariaenrica Frigione, in qualità di docente del corso di "Tecniche e Materiali per la Conservazione", l’avvio di un paio di lavori di tesi sperimentali che prevedono di testare le caratteristiche di questi materiali già in commercio.
Al termine del lavoro di studio si prevede la pubblicazione dei risultati delle ricerche su riviste scientifiche di settore.

 

 

Potresti essere interessato a...