Verso la Carta di Macerata ?

Risultati e sviluppi futuri

 

“Dopo il terremoto. Come agire?” questo il tema centrale intorno a cui si è svolta la giornata di lavoro di Macerata all’inizio del mese di marzo organizzata da Assorestauro e ARCo_Associazione per il Recupero del Costruito. Le due Associazioni hanno rivolto un invito a tecnici ed esperti del settore, per confrontarsi su un tema complesso ponendo a ciascuno due precisi quesiti a cui rispondere.

1. Dov’era e com’era? come affrontare il processo di ricostruzione?
2. Le tecniche costruttive tradizionali sono sufficienti alla luce dei recenti eventi sismici nell’Italia centrale?

A partire da questi due quesiti, a cui tutti hanno risposto con un documento scritto e con la relazione proposta nel corso di un breve intervento, il convegno ha visto l’alternarsi di contributi di elevata qualità, sia in termini di analisi sia di approfondimento tecnico.
La documentazione raccolta e il materiale elaborato per le relazioni è attualmente in fase di stesura per poter disporre di abstract della giornata e poter poi procedere ad una seconda sessione di lavoro prevista a Roma in data ancora da definire, provvisoriamente nel mese di maggio.
Fin dalle iniziali fasi organizzative, infatti, la giornata di marzo ha voluto porsi come momento di confronto finalizzato a raccogliere esperienze, idee e proposte dei partecipanti in un documento di sintesi che identifichi una linea comune ed elementi condivisi sulla complessa tematica proposta. Da qui nasce l’idea di una possibile Carta di Macerata.
I contenuti e lo svolgimento dei lavori ad inizio marzo, oltre agli obiettivi di questo percorso intrapreso dalla due Associazioni, sono stati brevemente illustrati dai rispettivi Presidenti, Alessandro Zanini e Francesco Giovanetti, nel corso di un breve intervento nell’ambito di un seminario ‘Il restauro degli edifici tutelati. Miglioramento strutturale e conservazione’ svoltosi durante l’annuale appuntamento ‘Restauro-Musei’ a Ferrara, e organizzato dall’Ordine e la Fondazione degli Architetti di Ferrara con Assorestauro.