NTC 2018 e controlli sulle costruzioni

Comitato per la Diagnostica e la Sicurezza delle Costruzioni e dei Beni Culturali

Carissimi associati

Assorestauro da sempre vuole essere un tramite tra il mondo imprenditoriale e le istituzioni, ed è per questo che l’associazione ha deciso di aderire al Comitato per la diagnostica e la sicurezza delle costruzioni e dei beni culturali, sul tema delle nuove norme NTC 2018.

In questo difficile e critico momento per la manutenzione del patrimonio costruito italiano, in cui i riflettori si sono accesi dopo il tragico crollo del ponte Morandi di Genova, la normativa non agevola il grande lavoro dei professionisti del settore.

Oggi i controlli necessari sulle strutture del paese, a causa di modifiche effettuate nelle NTC 2018, possono essere svolti solamente dai laboratori ex art. 59 DPR 380/01 autorizzati dal Ministero Infrastrutture e Trasporti a poter effettuare campionamenti sulle strutture.

Più di 400 aziende di grande esperienza su ispezioni e diagnostica sono state bloccate dopo l’entrata in vigore delle NTC2018 il 22 marzo u.s, non potendo dare un contributo indispensabile al miglioramento delle condizioni del nostro patrimonio.

Sono 120, i soli laboratori che oggi, a causa della nuova normativa, avranno la possibilità di analizzare l’immenso patrimonio costruito, di cui si calcola una domanda di studio per più di 60.000 opere infrastrutturali oltre al consueto lavoro di monitoraggio del costruito storico pubblico e privato.

 “Al di là della questione di merito se sia legittimo togliere ad un esperto di controlli sulle strutture la possibilità di campionare per attribuirla in via esclusiva ad altri soggetti, sulla quale è pendete un ricorso al TAR Lazio, ci domandiamo se sia pensabile, nelle condizioni in cui versa il Paese che ad oggi possano esistere in Italia solo 120 direttori tecnici (ingegneri o architetti) che dovranno effettuare oltre all’ordinario lavoro di controllo sulla qualità degli impasti dei calcestruzzi freschi in laboratorio (ruolo per il quale i laboratori vennero istituiti nel 1971) anche il ruolo di controllore di tutto il patrimonio storico, artistico, monumentale, strategico ed edilizio del Paese, mentre altre 400 aziende che sono considerate un eccellenza italiana all’estero e dotate di strumentazioni e know how adeguato ad eseguire ispezioni, controlli e diagnostica strutturale debbano chiudere i battenti.”

(Tratto da lavoripubblici.it .A cura di Co.Di.S.Comitato per la Diagnostica e la Sicurezza delle Costruzioni e dei Beni Cultural)

Assorestauro, che accoglie al suo interno decine di aziende, che ogni giorno si confrontano con la diagnostica del costruito, supporta e promuove tutte le professionalità che solo nella loro accezione più ampia e organica devono concorrere alla conservazione del patrimonio architettonico italiano.

 

Leggi l'articolo completo pubblicato su https://www.lavoripubblici.it/news/2018/09/STRUTTURE/20828/NTC-2018-e-controlli-sulle-costruzioni-oltre-400-aziende-bloccate